Trasferta ad alto coefficente di difficoltà

Dopo la sconfitta casalinga nel derby contro Alseno, la Pavidea Fiorenzuola è chiamata al riscatto in una trasferta quasi proibitiva, contro l’Olimpia Genova, squadra costruita per vincere questo Campionato, che vanta giocatrici di spessore e livello superiore.

La formazione ligure occupa attualmente la seconda piazza alle spalle dell’imbattuta Busa Gossolengo (contro la quale peraltro è stata sconfitta al termine di un bellissimo tiebreak). Ha un roster molto lungo, impreziosito dalla stella della squadra, l’attaccante Giulia Bilamour, top scorer del Campionato. Oltre a lei l’altra schiacciatrice Ciurli e la centrale Antonaci (ex B1 aPalau) sono gli attaccanti di riferimento per la palleggiatrice Gorini, giocatrice dal passato glorioso in A2 con la maglia dell’Anthea Vicenza.

Ma questa Pavidea non deve partire battuta, ha qualità e anche durante la settimana in allenamento il livello di gioco sta crescendo. Quello che deve crescere ancora, e in tempi rapidi, è la mentalità. Meno palloni che cadono, più voglia di sbucciarsi le ginocchia in difesa e più voglia di aiutare la compagna in difficoltà. Solo crescendo come squadra, anche le individualità di ogni giocatrice emergeranno prepotentemente. E qualità questa Pavidea ne ha tanta, lo ha dimostrato anche sabato contro Alseno quando nel terzo e quarto set aveva preso cospicui vantaggi frutto di una superiorità di gioco evidente. Vanificati per cali di tensione e per la maggior grinta messa in campo dalle cugine alsenesi nei momenti topici.

Appuntamento a Genova, Sabato 8 Dicembre, alle ore 18:00.