Vittoria convincente

ALBISOLA VOLLEY – PAVIDEA FIORENZUOLA  0-3 ( 21-25 11-25 12-25 )

Albisola : Botta 5, Pesce 4, Zamagni, La Porta, Conterno, Rossi 8, Manitto, Truffa 13, Arrigo 2, Zannino (L). Ne: Scapacino. All. Zanoni.

Fiorenzuola : Ravanetti, Cattaneo 7, Dolera, Reverberi 7, Tosi 8, Tonini 16, Coti Zelati (L), Bratoni 2, Izzo 5, Marini N. 14. Ne: Zeliani, Villa. All. R.Marini

Una partita diventa facile se la affronti ed interpreti nella maniera giusta e oggi le ragazze di Marini hanno lasciato solo le briciole alla formazione di casa, con una condotta disciplinata, attenta e la giusta dose di cativeria agonistica nei momenti clou. Accusato il forfait di Luana Villa ancora alle prese con un’infiammazione al ginocchio, Marini opta per Chiara Tonini opposto e la giovane modenese lo ripaga con una prestazione in attacco sontuosa, mettendo in mostra una varietà di colpi rara per una 20enne.

1.Set : Parte bene la squadra biancorossa con Tonini e Marini che vanno a terra con irrisoria facilità. Roberta Rossi al servizio mette a soqquadro la ricezione fiorenzuolana e riporta sotto Albisola 8-8. Monologo biancorosso con un break devastante firmato dai muri di Cattaneo e della stessa Tonini. La formazione ospite vola 20-13. Serena Tosi, riportata nel ruolo di banda schiacciatrice, centellina le energie ma nei momenti caldi va a segno. 23-16 Fiorenzuola. Piccolo passaggio a vuoto che permette ad Albisola di riportarsi sotto 21-23, ma a chiudere i giochi una veloce al centro di Cattaneo e un diagonale potente e preciso di Serena Tosi. 25-21

2.Set : La seconda frazione è un Chiara Tonini Show, con l’opposta biancorossa capace di segnare 9 punti, tra i quali un attacco da seconda linea che strappa applausi anche ai sostenitori di casa. La battuta della Pavidea è molto efficace e non permette alle padrone di casa di contrattaccare in maniera semplice. Un paio di guizzi di Chiara Pesce permettono ad Albisola di ridurre il gap, ma la Pavidea vola a prendersi anche il secondo set con il netto punteggio di 25-11. Ultimo punto firmato da Natascia Marini con un mani-e-fuori d’esperirenza.

3.Set : Vola la formazione di Marini sulle ali dell’entusiasmo mentre tra le ragazze di casa serpeggia un pochino di rassegnazione. Reverberi, poco utilizzata nei primi due set, esce di prepotenza in questa fase e tra muri e attacchi in veloce segna 6 dei suoi 7 punti totali. Punteggio che recita 15-5 Fiorenzuola. Spazio per Dolera, Ravanetti e Bratoni. Il copione non cambia e la Pavidea continua a macinare gioco e avversarie. Tania Bratoni ha l’onore e la bravura di chiudere il match con un bel tocco a eludere il muro della Truffa. Punteggio senza discussioni. 25-12

Il test non era certo dei più probanti, ma il modo di affrontare la partita e la capacità di non far mai rientrare le avversarie sono piaciute e lanciano messaggi positivi allo staff tecnico biancorosso. L’ambiente sembra molto più compatto e sereno rispetto a quello che si percepiva fino a fine dicembre e le prestazioni arrivano. Il muro ha ricomincato da un paio di partite a funzionare a dovere e finalmente anche le percentuali in attacco sono state buone. Margini di miglioramento ce ne sono, soprattutto in ricezione e ricostruzione, ma la sensazione è quella di aver imboccato la giusta via per disputare un grande girone di ritorno.

Con le sconfitte di Brembo e Olimpia GE la squadra di patron Bargazzi risale al quarto posto e ora è attesa ad una trasferta difficile (Casazza) dalla quale dovrà ricavare il massimo possibile per avvicinare ulteriormente la zona playoff, sfruttando gli scontri diretti in programma.