La Pavidea suona la Quinta

PAVIDEA FIORENZUOLA – PALL. MANDELLO  3-1 (25-12 25-23 14-25 25-13)

Fiorenzuola : Villa 16, Ravanetti 1, Cattaneo 15, Dolera, Reverberi 7, Tosi 17, Coti Zelati (L), Izzo, Marini N. 13. NE: Bratoni, Tonini, Zeliani. All.R.Marini.

Mandello : Cuciniello 11, Tonelli (L), Rossi 1, Vizzini 3, Maresi 4, Riva 15, Radaelli 6, Marconi 15. NE: Sacchi, Dell’Orto, Meroni, Chiodo. All. Valsecchi.

Fiorenzuola centra la quinta vittoria consecutiva e non perde terreno dalle magnifiche 3 davanti, Gossolengo, Alseno e Costa Volpino tutte vittoriose da 3 punti. E’ stata una partita “strana”, nella quale la Pavidea pareva in certi frangenti poter fare un solo boccone delle avversarie, in altri essere in balia delle proprie amnesie con le lombarde che si esaltavano e non facevano più cadere un pallone. Alla fine è uscito il valore delle biancorosse, spinte dal servizio di Luana Villa e dalla vena di Tosi e Marini in attacco. Il muro ha funzionato, un po’ meno la ricezione che ha pagato la giornata-no del libero biancorosso che ha subito 9 ace. Una giornata storta può capitare a tutti, l’importante è lavorare con umiltà e dedizione in palestra e uscire immediatamente dal momento negativo.

Primo Set : La prima frazione non ha davvero storia. Partenza sprint delle padrone di casa con Marini e Tosi sugli scudi. La Pavidea prende da subito un vantaggio enorme ( 13-4 )e lo incrementa con percentuali in attacco fantascientifiche mentre le ragazze di Mandello alzano bandiera bianca senza reagire. Il punto finale è un ace di Luana Villa a suggellare un set quasi perfetto delle biancorosse. 25-12

Secondo Set : C’è la reazione delle ospiti trascinate da Riva e dal centrale Marconi. 5-2 per Mandello. Fiorenzuola si riporta in parità a quota 11 ma non dà l’impressione di poter strappare e scappare. Mandello rimane aggrappata al set e si va punto a punto. Sul 20 pari un muro di Tosi e un attacco di Cattaneo dal centro danno il primo mini-break a Fiorenzuola che non lo molla più. Sul 24-23 al primo set-point chiude ancora Luana Villa con un attacco in diagonale che trova le mani del muro. 25-23

Terzo Set : Perso il set in volata, sotto di 2 lunghezze, chi si aspetta un Mandello arrendevole rimane deluso. Le ragazze di Valsecchi scendono in campo decise ad allungare il match e fin dall’avvio prendono il largo. 7-2 , Marini chiama 2 timeout in pochi minuti per cercare di dare una scossa che non arriva. La ricezione fa acqua, le avversarie si esaltano in difesa e neppure l’inserimento di Dolera per una Izzo in difficoltà cambia l’inerzia del set. 19-9 Mandello spinte da Riva e Cuciniello. Tosi e Cattaneo provano almeno a rendere meno netto il punteggio, ma l’inerzia è tutta ospite e il set si chiude con un errore al servizio di Tosi. 25-14

Quarto Set : Marini chiede alle propie ragazze di ritrovare ordine e attenzione, ma l’inizio di quarta frazione fa temere il peggio ai supporters biancorossi.Mandello parte meglio, mette la freccia e si issa 7-4. Fiorenzuola tira fuori gli artigli, migliora le percentuali in ricezione e fa la voce grossa a muro. A dare il colpo decisivo al set e alla partita è però il turno al servizio di Villa che crea il vuoto e a suon di ace e servizi che mettono in crisi Mandello trascina le compagne al break prolungato. Pavidea mette la freccia e vola 22-11, alla Maresi fischiano un paio di doppie in palleggio e per Mandello scende la notte. Sul 24-13 il punto che chiude la partita è di Marina Cattaneo, anche oggi tra le migliori in campo, con un attacco prepotente dal centro. 25-13

Una vittoria netta, pur con lo strano passaggio a vuoto del terzo set, ma è giusto riconoscere anche i meriti di Mandello che non ha alzato bandiera bianca e le ha provate tutte. La Pavidea dà l’impressione a tratti di avere un potenziale molto alto, ma ha alcuni passaggi a vuoto che fanno pensare. Passaggi a vuoto che se ce li hai contro le “big” del Campionato possono costare carissimo, ragione per la quale l’allenatore dovrà lavorare con le ragazze in palestra per cercare di dare continuità e fare in modo che il modo nel quale le biancorosse hanno giocato primo e quarto set oggi diventi la regola.

Prossima settimana trasferta insidiosa ad Olginate, che all’andata vinse con un netto 3-0 al PalaMagni. Era una Pavidea diversa, meno unita, più disordinata. Visto il big match in programma ad Alseno tra Conad e Busa, le biancorosse vincendo ad Olginate guadagnerebbero matematicamente punti su una delle due contendenti. Trasferta che vale oro per Tosi e socie, ma attenzione a prepararla bene in settimana, perche Olginate in casa venderà cara la pelle.